KISS (Germania)

 

Tema centrale

Cooperazione tra le forze di polizia delle due frontiere Ceca-Tedesca

 

Enti governativi partecipanti

Ministero degli Interni tedesco

Ministero Federale Tedesco per la Famiglia, gli Anziani, le Donne e i Giovani

Governi dello Stato Federale di Baviera e Sassonia

 

Organizzazioni partecipanti

KARO (OGN Tedesca)

Helsinki Citizens Assembly

JANA (un’organizzazione di supporto tedesco-ceca)

 

Background

La frontiera tra Repubblica Ceca e Germania purtroppo è assurta agli onori delle cronache alle fine degli anni ‘90 come destinazione privilegiata dei turisti del sesso. I resoconti di Grim sull’abuso di bambini nel commercio sessuale, soprattutto nella città ceca di Cheb sono stati pubblicati sulla stampa tedesca. Per lottare contro questo problema, nel 2000 i governi dei due paesi hanno costituito il KISS, un’abbreviazione della dicitura tedesca “Kindesmissbrauch” (“abuso contro i bambini”).

 

Descrizione della campagna

È stata ufficialmente lanciata una campagna, risultato della collaborazione tra il Governo tedesco a livello locale, regionale e federale e diverse ONG, a favore della “Soppressione del turismo sessuale da parte dei cittadini tedeschi colpevoli nelle regioni di confine della Repubblica Ceca”.

 

Gli strumenti principali della campagna sono stati la distribuzione di volantini e cartoline con lo scopo di aumentare la consapevolezza pubblica del problema, la formazione di esperti in grado di gestire il problema direttamente in loco e un lavoro costante da parte della stampa teso ad informare ministeri, autorità ed organizzazioni partecipanti.

 

La natura scottante del problema e la campagna (compresa la spiacevole doppia natura della parola “KISS”) hanno permesso di dare ampia risonanza al problema tra il pubblico tedesco. Il feedback da parte dei cittadini è stato impressionante, provocando anche la richiesta di interventi e azioni legali decisamente più aggressivi da parte delle forze dell’ordine oltre che di una più stretta collaborazione tra autorità tedesche e ceche.

 

Risultati

Dopo la campagna iniziale, il governo tedesco ha unito le sue forze con le controparti ceche per cercare modalità che avrebbero permesso una cooperazione decisamente più efficace per gestire il problema nelle regioni di frontiera. Il progetto ha portato alla formazione di due task force composte da funzionari tedeschi e cechi, con l’ulteriore partecipazione di numerose ONG.

 

Una delle task force riunisce rappresentanti dei Ministeri degli Interni dei due paesi, l’Autorità Penale Federale tedesca (Bundeskriminalamt -BKA) e funzionari degli stati tedeschi della Baviera e della Sassonia, che si incontrano annualmente e cercano di definire ed adottare approcci strategici al problema. La seconda task force è costituita da forze di polizia locali da entrambi i lati della frontiera, ed opera decisamente più a livello investigativo. Ad esempio, la BKA ha promosso sessioni di formazione per le controparti ceche sulla tematica della prostituzione giovanile.

 

Contatto

Bundesministerium des Innern / Referat II 2

Alt Moabit 101 D

10559 Berlino

+49 1888 681 1802